Log in

LOGIN_TO_YOUR_ACCOUNT

MOD_BT_LOGIN_USERNAME
MOD_BT_LOGIN_PASSWORD
BT_REMEMBER_ME
 

Tutto nacque una sera. Io e Luca parlavamo di possibili circuiti per una chitarra in costruzione. L'idea era quella di fare un circuito versatile e particolare, non proprio il solito trito e ritrito. Luca propone il circuito Mix di Frudua (http://www.youtube.com/watch?v=4YNhcOKGPhA). Un circuito carino, con molte opzioni proposte in maniera semplice.


Il Custom Shop di Lefty.it non si ferma mai... dopo una lunga gestazione è entrato nella fase realizzativa il progetto che ha come base la Fender Duo Sonic II, ovvero una Mustang con ponte fisso. Il wiring originale di questo strumento è molto semplice e molto intuitivo. Ho voluto aggiungere a questo alcuni suoni in più, senza perderne.


Il circuito della Gibson Les Paul, dalla sua progettazione a oggi, è rimasto fondamentalmente inalterato. Sono cambiati i valori dei potenziometri con l'introduzione degli Humbucker in luogo dei P90, in alcune edizioni sono cambiati i valori dei condensatori, ma fondamentalmente il circuito è rimasto quello pensato dal buon Les all'inizio degli anni cinquanta.


pgm301-01L'idea di questo progetto e' nata per una esigenza pratica: degli amici mi avevano chiesto una mano per mettere a posto una Ibanez Paul Gilbert piuttosto malconcia. Aveva lo switch da sostituire ed in piu' un pickup in risonanza.

Lo switch che montava in origine era il VLX91, ovvero un elemento a 5 posizioni con 4 poli configurabili indipendentemente. Simile a quello usato per i black beauty files (la differenza e' che quello usato in quei diagrammi era rotativo, questo si muove esattamente come un selettore per Stratocaster) e' un elemento molto costoso. Poiche' non ne avevamo uno a disposizione, ho deciso di sviluppare un circuito equivalente ma senza la necessita' del VLX91.

IMG 0071Il Lefty.it MiniPlaymaker nasce da una mia esigenza specifica: avevo la necessità di un effect switcher che mi permettesse di attivare o disattivare una intera catena di strumenti in un colpo solo.

Avendo una catena piuttosto lunga e non del tutto immune da rumore e problemi di impedenza, desideravo un prodotto che integrasse anche dei buffer che regolassero le impedenze sia in ingresso che in uscita.

Se era possibile eventualmente trovare sul mercato degli switcher con un buffer all'ingresso, la ricerca di un prodotto che controllasse anche l'uscita e le impedenze sul send e sul return della catena non ha dato nessun esito. Forse non ho fatto una gran ricerca, ma nessun prodotto commerciale aveva le caratteristiche che cercavo.

Da questo nacque l'idea di produrre da me ciò che cercavo.

JimmyPageGlamContinuiamo il nostro viaggio tra i circuiti che ho progettato per la Gibson Black Beauty 3HB.

Stasera proponiamo la soluzione piu' radicale, che ha come obbiettivo quello di garantire al musicista tutti i suoni classici di una Les Paul a cui aggiungere delle configurazione tipicamente da Stratocaster per rendere il tutto piu' particolare.

JimmyPageGlamContinuiamo il nostro viaggio tra i circuiti che ho progettato per la Gibson Black Beauty 3HB.

Stasera proponiamo una idea molto particolare, che ha come obbiettivo quello di garantire al musicista tutti i suoni classici di una Les Paul e non solo.

JimmyPageGlamContinuiamo il nostro viaggio tra i circuiti che ho progettato per la Gibson Black Beauty 3HB.

Stasera proponiamo una leggera variazione di quello presentato nella prima puntata.

JimmyPageGlamLo ammetto: ho sempre avuto un pallino per la Gibson Black Beauty, nella sua versione con 3 pickup. Bella, bellissima da vedere forse un po' meno forse da mantenere (si sporca con niente).

Quello che non ho mai amato di questo strumento e' il circuito elettrico e le scelte fatte dalla casa madre: scelte che la rendono cupa come suono e che non permettono di sfruttarne le potenzialita' che ha in se'. Configurazione che inoltre ha un peccato capitale: non permette di utilizzarla come fosse una Les Paul normale. Ovviamente, non potevo resistere a progettarne una serie di possibili varianti e disegnare innumerevoli circuiti.

IMG 9267Spesso, quando chiedo come sviluppare o migliorare uno strumento, certi particolari risultano indigesti. Il mio obbiettivo e' quello di fare uno strumento realmente su misura per il proprietario, che al meglio si adatta ai suoi gusti ed alle sonorita' che ricerca.

Uno dei problemi principali e' quello relativo ai condensatori. Essi, come gia' raccontato, hanno un impatto forte sul suono finale dello strumento, ma rimangono un componente molto sottovalutato, persino dai migliori liutai. Spesso persino gli utenti stessi ne ignorano l'importanza e, quando chiedo cosa mettere, non sanno che rispondere (anche perche' il 90% e oltre dei musicisti nemmeno sfruttano i potenziometri del tono).

Per aiutare in questa scelta, ho sviluppato un circuito semplicissimo, che permette di provare piu' condensatori in un colpo solo, in modo da saggiarne subito l'impatto e capire quale si adatti meglio al proprio ideale di suono e quale invece sia da evitare.

  1. Latest
  2. Piu' cliccati

Lefty.it sfrutta i cookie per migliorare l'esperienza di fruizione di lefty.it. I cookie sono parte essenziale per la piena fruizione di questo portale. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information