Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
 

Fender Broadcaster 1950 / Nocaster 1951 / Telecaster 1951-1952

broadcastersNel nostro viaggio tra le circuitazioni degli strumenti storici, stavolta facciamo un salto indietro al 1950 per parlare della Fender Broadcaster, la mamma della Telecaster e al tempo pensata come sorella maggiore della Esquire. Leo scelse questo nome per la sua creatura come omaggio alla televisione ed al successo che i canali televisivi stavano riscuotendo nella popolazione americana. Tale trademark però era già utilizzato da Gretsch per una propria linea di batterie e così Fender nel 1951 fu obbligato a cercare un nuovo nome. La scelta cadde su Telecaster, per mettere ulteriormente in evidenza il tributo alla televisione.

Tra le due denominazioni esiste un interregno di qualche mese, in cui la chitarra uscì senza alcun nome. Fender aveva in magazzino una certa quantità di stencil con la scritta "Fender Broadcaster" da applicare sulla paletta e non aveva alcuna intenzione di buttarli. Si decise di utilizzarli fino all'esaurimento della scorta, tagliando la scritta "Broadcaster" e lasciando solo il logo dell'azienda. I prodotti usciti in questo periodo sono normalmente battezzati come "NoCaster". Tale denominazione non è un nome ufficiale, ma un nomignolo dato dai collezionisti. Sul finire del 1951 le scorte di stencil si esaurirono e così sul mercato apparirono le prime Fender Telecaster.

Avevano un circuito molto particolare, che per certi versi riprende ancora quello della Esquire e lo proietta verso quello che sarà il futuro circuito della Tele. Abbiamo uno switch a tre vie che funziona in modo molto particolare:
se posizionato in posizione 3 attiva il pick-up al manico con un filtro delle frequenze fisso e molto cupo (se risulta troppo cupo, il consiglio è sostituire il condensatore con uno di capacità inferiore, da 0.033 uF o 0.022 uF). In posizione 2 è attivo il solo pick-up al manico, senza alcun filtro. In posizione 1 è attivo il pick-up al ponte ed il potenziometro blend, che permette di inserire/gestire il pick-up al manico: se il potenziometro viene aperto totalmente, il circuito funziona in modo simile alla classica "posizione 2" della Telecaster, con entrambi i pick-up attivi, mentre se lo si chiude totalmente quello al manico viene escluso, lasciando attivo solo quello al ponte. In mezzo, una serie di varianti impossibile da realizzare con una normale Tele, dove il pick-up al ponte è più o meno presente in base al gusto del musicista.

Un circuito molto particolare quindi, che anticipa alcuni elementi della futura Telecaster ma con un proprio caratteristico suono.

Una curiosità: quando Leo Fender fondò G&L, decise di riesumare il nome "Broadcaster" per battezzare la sua idea di evoluzione della Telecaster. Anche allora gli andò male e fu obbligato a scegliere un altro nome, che fu ASAT, in onore del missile anti-satellite progettato dalla USAF. Qualcuno ci ha visto in questo nome l'acronimo di "After Stratocaster After Telecaster".  

Lo schema è stato realizzato a partire dalle immagini degli strumenti storici e viene riportato esattamente come veniva fatto allora, ivi compresi i centri di massa sparsi per il circuito (sarebbe opportuno modificarlo per avere un solo centro di massa).
Materiale occorrente per realizzare il circuito:
- un pick-up single coil per Broadcaster/Telecaster al manico (per esempio il Seymour Duncan Vintage Broadcaster Rhythm STR-1);
- un pick-up single coil per Broadcaster/Telecaster al ponte (per esempio il Seymour Duncan Vintage Broadcaster Lead STL-1);
- un 3-way switch;
- un condensatore carta-olio da 0.05 uF;
- due potenziometri logaritmici da 250k Ohm;
- una resistenza da 15k Ohm in carbone, 0.5W e 10% di tolleranza;
- un jack audio mono;
- cavo rivestito di tessuto;
 
Di seguito è riportato lo schema del circuito. Come sempre, cliccando su esso sarà possibile visualizzarne una versione di qualità maggiore.

circuitazioneBroadcaster 01s
L'immagine di copertina e' tratta da http://www.stratoblogster.com/

Last modified on Venerdì, 19 Aprile 2013 17:31

Aggiungi commento


  1. Latest
  2. Piu' cliccati

Lefty.it sfrutta i cookie per migliorare l'esperienza di fruizione di lefty.it. I cookie sono parte essenziale per la piena fruizione di questo portale. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information